Commedie - Qui 'd Puianell
 

Al doo surèli -2018-

                                                   Regia di: Gianfranco Boretti

                                   Sceneggiatura  di:  Gianfranco Boretti

   
                                           Fotografia di:  Giorgio  Soncini



Bruna e Lisetta sono due attempate sorelle che vivono nella stessa casa assieme a Fabrizio, figlio di Lisetta, e a Simona, una nipote rimasta orfana nell’infanzia.
I rapporti fra le due sorelle sono sempre tesi e la deflagrazione del conflitto è ogni giorno imminente…

Fabrizio è affetto da Disturbo Dissociativo dell’Identità e passa frequentemente dalla forte personalità di John Wayne, eroe dei western, a quella dimessa di Fabrizio che della sua cinematografica seconda personalità non vuol neppure sentir parlare.

La sua nascita è il frutto della storia d’amore fra Lisetta e Jonathan, un musicista americano di passaggio del quale anche Bruna pretende essere stata fidanzata.

Questa vecchia storia d’amore e gelosia si trascina da anni nella vita delle due sorelle e provoca litigi frequenti  che troveranno la loro sorprendente soluzione dopo l’inaspettata ricomparsa del mitico Jonathan.







.............





Pasqualoun e la First Lady - 2017-

               Assai liberamente tratto da “Don Pasquale” di Gaetano Donizetti
                          nonchè da “Ser Marcantonio” Di Angelo Anelli

                                             Regia di: Gianfranco Boretti

                             Sceneggiatura  di:  Gianfranco Boretti

   
                                     Fotografia di:  Giorgio  Soncini


La vicenda del vecchio possidente che decide di diseredare il nipote e di sposarsi con una giovane donna nasce con il “Ser Marcantonio” di Angelo Anelli, messo in scena a Parigi nel 1808 da Stefano Pavesi.

Sempre a Parigi, nello stesso “Theâtre Italien”, nel 1843, Gaetano Donizetti e Giovanni Ruffini si rifanno alla stessa vicenda congegnando il più famoso “Don Pasquale”, tutt’ora ben presente nella programmazione dei più importanti teatri lirici di tutto il mondo.

Il nostro Pasqualoun, imprenditore di successo, è coinvolto in una vicenda del tutto simile che si svolge nella sua vigna. Ha avuto successo con i suoi prodotti e pensa di suggellarlo entrando nella competizione elettorale cittadina.

Non essendo sposato vorrebbe presentare il nipote Ernesto accanto a sè ma li divide una insormontabile barriera ideologica e fra i due il dissidio diviene insanabile. Il nipote decide di abbandonare zio e azienda mentre Pasqualoun, indispettito, medita di procurarsi la propria first lady per presentarsi alle elezioni in puro stile americano.

Questa incauta decisione lo fa cadere nella trappola preparata da Sandro, grande amico di Ernesto, che gli magnifica le doti di modestia e moralità della presunta sorella Sofronia. In realtà Sofronia altri non è che Norina, la fidanzata di Ernesto, che ben volentieri si presta all’inganno all’insaputa dello stesso Ernesto.

Il “matrimonio” viene celebrato all’americana, nella vigna, dal potatore Nuccio, abilmente travestito da sacerdote, e subito dopo aver pronunciato il fatidico “sì”, Pasqualoun scopre che la sua mogliettina, che gli era stata presentata da Sandro nelle vesti di una santarellina timorata di Dio, è di ben altro pelo...          
 

I morooz ed l' Euridice - 2016 -


                                                 Regia di: Gianfranco Boretti

                                  Sceneggiatura  di:  Gianfranco Boretti

   
                                       Scenografie di:  RicciCasa -Ciano d'Enza


Afro, Giovanni e Tonio, irriducibili rivali in amore, si contendono la mano di Euridice, una non più giovane futura ereditiera il cui padre, attualmente in coma irreversibile, possiede un’autentica fortuna.

Euridice sembra accettare la corte di tutti e tre i suoi “disinteressati” spasimanti e ne approfitta per farsi vezzeggiare sotto gli occhi della burbera Svetlana, la badante nonchè infermiera del padre.

La casa di Euridice, notoriamente benestante, viene presa di mira da Poldo, un ladro dalla parlantina sciolta che viene sorpreso mentre fruga tra i gioielli di casa ma riesce a cavarsela abilmente riuscendo addirittura a fare breccia nel cuore di Euridice.

I tre abituali spasimanti si rendono conto della situazione a loro sfavorevole e decidono di entrare in azione. La battaglia, il cui esito sarà dovuto ad una svolta imprevista, si svolge tra una visita e l’altra di Aida, la vicina di casa che ama trascorrere il suo tempo chiacchierando con i condomini e trascurando il marito Nino, costretto a rincorrerla da una famiglia all’altra.
    

Al padròun al lavora per mé -2015-

               Liberamente tratto da: " Dormez, je le veux  " di Georges Feydeau

                  Adattamento e regia di: Gianfranco Boretti

                                Scenografie di:  Daniela Badesso
                                   da un’idea di:  Carlo Calzolari




Completiamo la nostra trilogia di traduzioni e adattamenti delle opere di Georges Feydeau con questo atto unico, poco noto e insolito nell’ambito della produzione di questo autore.
Abbandonati i complessi intrecci delle tresche adulterine che turbano l’ordine della famiglia, questa volta l’autore si occupa dei rapporti tra padroni e servitori in un mondo, quello a cavallo tra il XIX° e il XX° secolo, nel quale la presenza della servitù nelle case borghesi era la norma.

Agostino, servitore del benestante Gerardo, ha scoperto di essere in grado di esercitare il potere dell’ipnosi e ne approfitta per costringere il suo padrone a svolgere gli umili e faticosi compiti che competerebbero a lui.

Il suo insolito menage, però, viene turbato dall’arrivo del dottor Valenti e della figlia Emiliana, futura sposa di Gerardo.

Il servitore non gradisce questa svolta della vita del suo padrone e usa i suoi poteri per cercare di impedirne il matrimonio ma trova nel dottor Valenti un potente avversario... 

Al contrât - 2014 -


                                              Regia di:  Gianfranco Boretti

                                Sceneggiatura di:  Gianfranco Boretti



La vicenda si svolge nell'ambito della ditta di costruzioni “Casatua” il cui presidente e amministratore unico, il cav. Elpidio Tondelli, decide di ritirarsi per la meritata pensione, non prima però di aver designato il suo successore.
 

Il ragionier Strozzi e il geometra Iotti danno vita ad una lotta senza esclusione di colpi per l'agognata successione coinvolgendo l'intera azienda.
 

L'astuta Olga, donna delle pulizie, coadiuvata dall'ingenua Cesarina, mette in atto un ingegnoso piano per far trionfare il suo campione, il geometra Iotti, ma non si rende conto di aver messo in moto un raggiro che minaccia di travolgere l'intera azienda...



vedi foto relative



 

 

 

 

 

 

 

.....

 

 

 

 

 

 

 

Al pover Vasco - 2012 -

                                              Regia di:  Gianfranco Boretti

                                Sceneggiatura di:  Gianfranco Boretti
                                                            

                                     Scenografie di:  Anna Serri

 

 

 

Vasco ritiene di essere stato trattato in modo ingiusto dallo Stato Italiano e trova un
modo inedito per farsi risarcire.

La decisione che ha preso costringe se stesso e la sua famiglia a vivere in una situazione paradossale ma è sostenuto dalla moglie Daria e dalla sorella Gemma , mentre la figlia Laura decide di andarsene.

L'accordo fra Vasco e la moglie viene messo in crisi da una rivelazione "scottante" che una vecchia amica di Daria fa senza rendersi conto dei suoi effetti dirompenti.

Per riconquistare il suo ruolo in famiglia Vasco dovrà avvalersi dei servigi di due singolari personaggi che vivono ai margini della società.


..








Al sært -2010-

Liberamente tratto da: " Tailleur pour dame " di Georges Feydeau

                     Adattamento e regia di: Gianfranco Boretti

                                    Scenografie di:  Anna Serri



Il Dott. Molinari si è sposato da appena sei mesi ma è già invischiato in una tresca amorosa con una paziente e affitta un appartamento del suo vecchio amico Bassoli per poterla incontrare indisturbato.

L'appartamento era occupato da una sarta che vi ha lasciato la sua attrezzatura e il Dott. Molinari sarà costretto, suo malgrado, ad improvvisarsi esperto di un mestiere che non conosce affatto…
 

Gli equivoci spassosi di Feydeau accompagnano lo spettatore fino alla fine della commedia e si risolvono solamente nell'ultima scena.







..








I  Barigâs  in di  bræv  ragâs  -2009-

I Barigâs in di bræv ragâs -2009-


                                              Regia di:  Gianfranco
                                                              Boretti

                                Sceneggiatura di:  Gianfranco Boretti
                                                              Guglielmo Cusi

                       Testo della canzone 
                       "La roda dal cajoun" di:  Guglielmo Cusi

                              Musica originale di:  Uberto Pieroni

                                     Scenografie di:  Anna Serri


Quella di Beppe Barigazzi è famiglia che non naviga nell’oro ma i cui membri si lasciano andare volentieri alle seduzioni di un mondo che privilegia le spese superflue.


Quella degli Iemmi, vecchi amici dei Barigazzi, è invece una famiglia parsimoniosa, capitanata da un Luciano guardingo su ogni spesa e refrattario alle costose innovazioni della vita contemporanea.


La famiglia Barigazzi naviga a vista tra gli scogli dei dissesti causati dal figlio Roberto e degli imbrogli subiti dall’ingenua zia Bianca, mentre i metodici Iemmi, fattisi investitori finanziari, si preparano ad una spettacolare  scalata sociale.


Nel teatro della vita però nulla è come sembra, e spesso le vicende prendono una piega imprevista che costringe i protagonisti a vedere il mondo sotto una luce diversa
.

Recensione

 





..









E nuæter  balômm  ( commedia musicale )  -2008-

E nuæter balômm ( commedia musicale ) -2008-

 
                 Sceneggiatura e regia di : Gianfranco
                                                           Boretti

                           Musiche originali di:  Uberto Pieroni

                                         Orchestra:  Pianoforte, Contrabbasso, Banjo

                                                 Coro:  mezzo soprano, soprano, tenore, basso

                                  Coreografie di:  Laura Giorgi

                                  Scenografie di:  Anna Serri



La serenità che regna nel ricovero di Puianello è minacciata dalla decisione presa dalla dirigenza dell'U.S.L. di chiudere la struttura a causa dei costi eccessivi che comporta la cura degli ospiti non autosufficienti.

La prospettiva di essere trasferiti altrove infiamma gli attempati protagonisti che decidono di dimostrare la loro valentia fisica organizzando addirittura un balletto.

La stella della rappresentazione sarà Angelina, una possidente che ha deciso di vivere nell'ospizio in compagnia degli altri anziani nonostante la sua ben nota ricchezza.

Angelina ama Biagio, un arzillo anziano che ha trascorso gran parte della sua vita lavorativa in Australia, e i due decidono di sposarsi, ma non si rendono conto che i nipoti di Angelina, timorosi di perdere la loro agognata eredità, tramano contro di loro.

La trappola ordita dall'infermiere - faccendiere Giulio, assoldato dai nipoti, rischierà di mettere in crisi sia l'amore di Biagio ed Angelina che la riuscita del balletto...



galleria di immagini 

 








..









La teiga e l' arviôt -2007-


                    Sceneggiatura e regia di:  Gianfranco Boretti

                                    Scenografie di:  Anna Serri



La famiglia Tagliabue vive in uno stato di attesa per la scomparsa di Aldo, il capofamiglia, che non è più rientrato dopo essersi recato ad un appuntamento di affari.
 

La moglie Renata , il figlio Giovanni e la figlia Federica vivono assieme all’infermo Osvaldo, gemello di Aldo, ad Osvaldina, sorella maggiore dei due gemelli, e Vanda, sorella di Renata, affetta da un quotidiano rapporto di conflittualità con Armelinda, la domestica di casa Tagliabue.
 

Renata vive nell’ammirazione per il figlio Giovanni, laureando in medicina, per il quale già immagina un avvenire di successo quale chirurgo plastico.

Federica, invece, soffre del ruolo che le è stato imposto di impiegata nella fabbrica della famiglia che la costringe a sacrificare il suo interesse per la poesia.
 

Cesare, un ambiguo mediatore che sostiene di conoscere bene Aldo, riesce a convincere Renata che il marito sia fuggito in Brasile con la sua amante e che possa riuscire ben presto a trasferire laggiù le somme cospicue giacenti in banca, che nessun altro della famiglia può riscuotere.
 
Il mediatore le propone di mandare il suo complice Ivano in Brasile col compito di procurarsi un cadavere e di attribuirgli l’identità di Aldo e poi di redigere un falso testamento per mettere al sicuro i beni di famiglia.
 

Niente è però come appare a prima vista: Cesare dovrà vedersela col più astuto Ivano e Renata sarà costretta a scoprire delle scomode verità riguardanti il suo amato Giovanni....







..








 

Agli alegri zdôri ‘d Rivælta -2006-

Liberamente tratto da :  "Le allegre comari di Windsor"  di W. Shakespeare

                         Adattamento e regia di:  Gianfranco Boretti

                      I testi in siciliano sono di:  Gaetano Parisi

                                       Scenografie di:  Anna Serri



Zvân Falsoun è un attempato frequentatore del bar “Sport”, nella saletta del quale ha eletto la sua residenza.

Un tempo era un “raffinato viveur” che si dilettava di poesia e frequentava con successo numerose rappresentanti del gentil sesso ma ora il suo ventre prominente e il suo aspetto deteriorato ne fanno un Don Giovanni alquanto improbabile.

Nonostante il suo aspetto e la sua età ormai non più verde, Zvân crede di poter mettere a segno una doppia conquista insidiando sia l’attempata Ghita Spaggiari che la più giovane Alice Guazza a ciascuna delle quali scrive la stessa appassionata lettera d’amore.

Poi chiede a Pistola e Bergnocla, suoi compari di sbornie, di essere i latori delle lettere ma i due si rifiutano categoricamente suscitando la sua ira.

Pistola e Bergnocla decidono di avvertire i mariti di Alice e Ghita delle intenzioni di Zvân mentre Ghita ed Alice ricevono le lettere dalle mani di Leandro, il gestore del bar sport.

 
Le due donne le leggono e le confrontano scoprendo che si tratta di due copie dello stesso testo:
infuriate, decidono di giocare un brutto tiro al vecchio satiro con la complicita di Zvelteina, una zitella dall’ingegno limitato ma piena di buona volontà.
 
Mentre organizza il piano delle donne ai danni di Zvân, l’astuta Ghita cerca di convincere la figlia Annina ad accettare la corte del Dott. Caiumi e a dimenticare Cristian, uno squattrinato chitarrista del quale la ragazza è innamorata.
 
Alice e Ghita consumano la loro vendetta con la collaborazione di Zvelteina e degli avventori del bar sport ma il vecchio Don Giovanni non sarà il solo ad essere beffato...

Hotel Royal -2004-


Liberamente tratto da:  " L'Hotel du libre échange "  di  Georges Feydeau

                    Adattamento e regia di:  Gianfranco Boretti

                   I testi in veneto sono di:  Marco Garzotti

                                  Scenografie di:  Anna Serri


Gino Pinetti, costruttore edile nonché marito di Angelica, si invaghisce di Marcellina, la giovane sposa del suo amico, il geometra Ottavio Pagliarini.

Approfittando dell’ennesimo litigio fra i due, per giunta suoi vicini di casa, Gino riesce a convincere Marcellina a passare una serata con lui all’Hotel Royal, dove saranno costretti a subire una serie imbarazzante di incontri e disavventure che li porteranno ad un passo dal disastro...



galleria di immagini
 

Al l'à fât ‘na sgnôora -2003-


Liberamente tratto da:  " L'ha fatto una signora "  di Maria Ermolli De Flaviis

                               Adattamento  di:  Gianfran Boretti e Gaetano Parisi

                                  Scenografie di:  Sonia Sigurtà e Claudio Ghinoi

                                            Regia di:  Gaetano Parisi



Luca Sardelli è un autista di piazza che un giorno ritorna dal lavoro con un neonato che una signora ha lasciato sul suo taxi.

La moglie Bianca non crede che si tratti di un ritrovamento fortuito ma che il bambino sia il frutto di una relazione extraconiugale del marito.

Luca vorrebbe tenere il bambino ma la moglie è di tutt'altro avviso.
 
Le schermaglie tra i due coniugi raggiungono il culmine quando Luca accusa la moglie di avergli sottratto la ricevuta di una forte vincita al lotto.
 
Luca minaccia addirittura di uccidere la moglie, trattenuto dalla figlia Elisa e dal fido amico e collega Alfredo, quando la vicenda si risolve in modo paradossale.

La reditæ dal sijo canônich -2002- remake -2012-


                     Tratto da: "U tistamentu di lu ziu canonicu" 
                                      di Antonio Russo Giusti


           Adattamento e traduzione di: Gianfranco Boretti
                                                          Gaetano Parisi


                                 Scenografie di:  Sonia Sigurtà
                                                          Claudio Ghinoi


                                          Regia di:  Gaetano Parisi (ediz. 2002)
                                                          Gianfranco Boretti (remake 2012)



Antonio Cavazzoni, detto Tugnîn, vive ore di trepidazione in attesa dell’apertura del testamento dello zio canonico, del quale era notoriamente il nipote preferito.
 
Convince se stesso, la moglie Seinsa e la figlia Ghiteina che entro poche ore entreranno in possesso di una cospicua eredità.
 
Degli altri due potenziali eredi, Madleina e Mario, solo la prima è interessata all’eredità perché Mario è innamorato di sua cugina Ghiteina, che lo ricambia di uguale affetto contro il parere della madre che vagheggia per lei un matrimonio prestigioso.
 

Al momento della lettura del testamento, nello studio del notaio, Tugnîn scopre, con indicibile disappunto, che lo zio, pur avendolo nominato erede universale, non gli ha lasciato nessun bene.
 
Tugnîn maledice il canonico, che aveva benedetto il giorno precedente, e toglie ogni segno di lutto.

L’arrivo del Vicario Lucenti, grande amico dello zio, imprime però alla vicenda un andamento più consono alle speranze di Tugnîn.

vedi foto

 

 

La nôna durmida in d’la vêgna -2001- remake -2013-


                              Sceneggiatura  di:  Gianfranco Boretti

                                   Scenografie di:  Sonia Sigurtà e Claudio Ghinoi

                                             Regia di:  Gaetano Parisi (edizione 2001)
                                                             Gianfranco Boretti (remake 2013)






Rosina è un'anziana signora che giace in coma profondo da circa trenta anni, a causa di un incidente occorsole durante la vendemmia del lontano 1954.
 
Il marito Olindo, motoaratore appassionato di cappelletti e cannelloni, è convinto dai medici dell'impossibilità dell'uscita della moglie dal coma e diviene convivente di Elena, vedova originaria di Prato, mentre Giulia, sorella di Rosina, rimasta inspiegabilmente della stessa statura che aveva al momento dell’incidente occorso alla sorella, la accudisce come una vera infermiera.
 
Elena si accasa con Olindo nella convinzione di divenirne la moglie non appena Rosina si decidesse a passare a miglior vita, ma la vicenda prende una piega inaspettata a causa del risveglio della Nôna dovuto ad una maldestra azione calcistica casalinga di Filippo, figlio di Elena, e si conclude nella caserma dei carabinieri alla presenza di uno stralunato Brigadiere che si dimostra comprensivo e generoso.